facebook
twitter
linkedin
youtube
Per ulteriori informazioni  ed aiuti: +39 338 7674619
Per ulteriori informazioni puoi contattarci:
+39 338.7674619
info@pantarei2000.it
VIA E. De Amicis, 4
Casnate con Bernate (CO) 22070

 
 
Il sito web del centro 
Centro Studi Panta Rei
L'Associazione professionale Centro Studi Panta Rei è nata nel 1997 in provincia di Como (Italia) per volontà di Foglia Manzillo Maria Cristina e Nasti Nunzio.
centrostudipantarei_marchio

Articoli per argomenti


facebook
twitter
linkedin
youtube
pantarei2000.it @ All Right Reserved 2018  | Sito realizzato da Flazio Experience
 

Scopri tutte le ultime news del Centro Studi Panta Rei - Per l'integrazione tra psicologia, Medicina e Neuroscienze

24/09/2017, 23:55

biofeedback, base-line, rilassamento, tensione, rilassamento muscolare, tensione muscolare, frequenza cardiaca, temperatura corporea, sudorazione, computer, cavetti.



Il-biofeedback…-chi-è-codesto?


 Avete mai sentito parlare di biofeedback (in Italia l’ho sentita pronunciare in tutti i modi possibili ed inimmaginabili perciò… sbizzarritevi!)?




Avete mai sentito parlaredi biofeedback (in Italia l’ho sentita pronunciare in tutti i modi possibili edinimmaginabili perciò... sbizzarritevi!)? 

Diche cosa si tratta? 

Della idea, intelligente,di rendere immediatamente disponibile, visibile sul video di un computer lostato di tensione-rilassamento del corpo(-mente) umano. 

Diquante parti è composta l’apparecchiatura? 

Di tre parti: unascatoletta, un computer, 4 cavetti. Volendo, i pezzi possono aumentare maquelli descritti rappresentano la base. Alla scatoletta sicollegano i cavetti che vengono connessi ad alcune parti del corpo umano,soprattutto alle mani. La scatoletta è a sua volta collegata ad un computer chepermetterà di far apparire sul video 4 tracce che rappresentano le informazionirilevate dai 4 cavetti.

Checosa rappresentano le 4 tracce?

1)   Ilrilassamento o la tensione dei muscoli (quello preferito dagli psicologici è ilmuscolo frontale, ma si può lavorare su molti altri muscoli e lo strumento puòessere adoperato anche nella riabilitazione neurologica). 

 2)  Lafrequenza cardiaca, la pulsazione e lo stato di tensione o di rilassamentodella muscolatura dell’arteria terminale di un dito. 

 3)  Latemperatura corporea, con particolare riferimento alle estremità (latemperatura non è uguale nelle diverse parti del corpo. 

 4)  Lostato di sudorazione della cute delle mani.Con la rilevazione diquesti 4 parametri, che dà origine alla cosiddetta "base-line" e che initaliano si traduce con "linea di base", ossia i valori del corpo(-mente) di unpaziente messo in stato di riposo, si comprende lo stato in cui vive unpaziente. Se il paziente mostra già un buon grado di rilassamento, non si puòche migliorarlo, incrementarlo o lasciarlo così com’è. Se lo stato di tensioneè medio o alto, si può procedere ad una valutazione clinica del paziente percomprendere se è il caso di fargli imparare a rilassarsi. Inoltre, un pazientepuò anche avere un buon grado di rilassamento temporaneamente perso a causa diun evento acuto.

In alcuni casi è possibileiniziare subito un percorso di apprendimento del rilassamento, in altri casibisogna dapprima iniziare un percorso psicoterapeutico. Infine, in altri casi ancora,il lavoro non è possibile per indisponibilità del paziente o per la presenza dicontroindicazioni che il professionista deve conoscere. La valutazione ècomunque atto di responsabilità di un professionista adeguatamente formato nonsolo clinicamente ma anche nell’uso di una tale strumentazione oltre che delletecniche di rilassamento.

Comefunziona il biofeedback? Che cosa significa feedback?

La traduzione letterale è"informazione di ritorno". Ossia? Sarà meglio procedere ad un esempio: se ad ungruppo di studenti viene proposto un compito di matematica, il voto di ognunosarà il feedback, ossia l’informazione di ritorno (che ritorna dove? Èl’informazione che ritorna agli allievi, ossia che viene fornita, sullaprestazione effettuata).

Quindi, ricapitolando, seusiamo lo strumento del biofeedback mentre il paziente rimane sdraiato etranquillo nell’ambiente del nostro studio, siamo in grado di capire se quelpaziente è in grado di rilassarsi o se rimane in uno stato di tensione cronica che,con il passare del tempo, non si attenua.

Il paziente cronicamenteteso può imparare il rilassamento con una tecnica oppure adoperando lo stessobiofeedback, ossia: mentre il paziente mantiene gli occhi chiusi, impostiamo lamacchina perché senta un suono (o una piacevole melodia o la sua musicapreferita) nel momento in cui ha raggiunto l’obiettivo che abbiamo impostatonella seduta e che, nelle sedute successive, può essere impostato in modo dafargli imparare un rilassamento sempre più profondo, fino a quando il paziente...come capita nel rilassamento quando ci siamo arrivati ben bene... si addormenta!

Scherzi a parte, il pazientenon sempre si addormenterà ma, se dopo un adeguato training, gli capitasse diaddormentarsi... ben venga, ha imparato a rilassarsi!

                                                    ***************** 

 Il biofeedback è un validoausilio per l’apprendimento del rilassamento. Semplice, innesca curiosità,permette di vedere sul video il significato della fisiologia del rilassamentoper i pazienti-"San Tommaso" che non ci credono, permette un buon training e,come ogni strategia terapeutica, prevede che il paziente impari a far da solo ediventi autonomo nel gestire tempi e modi della sua capacità di rilassarsi




1
Percorso-in-solitaria-in-val-di-Mello,-a-San-Martino,-14-giugno-2013-(4).png

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato sulle nostre attività gratuitamente
Create a website
Chiudi

Accedi